Gelato sulle Tofane a Cortina e ciclabile Monaco-Venezia

carrettino gelato dolomiti day

Presentata ieri presso il prestigioso Hotel de la Poste a Cortina d’Ampezzo la prima edizione del ‘Dolomiti Gelato Day‘ che si svolgerà nella Perla delle Dolomiti tra pochissimi giorni, mercoledì 12 agosto 2015.

Il programma prevede alle ore 11:30 il taglio del nastro ai 3.244 metri sul livello del mare della Tofana di Mezzo, dove grazie alla funivia ‘Freccia nel Cielo‘ giungerà un carrettino dei gelati per servire quello che diventerà la gelateria a cielo aperto più alta delle Dolomiti.
freccia nel cielo tofana
Per l’occasione il gelato in degustazione verrà preparato utilizzando alcuni dei prodotti tipici del territorio come la Ricotta del Piccolo Brite – El Brite de Larieto della famiglia dello chef ampezzano Riccardo Gaspari, il miele della Val di Zoldo, il latte alta qualità della Lattebusche, il Prosecco di Valdobbiadene della Canevel Spumanti e con il cocktail Bellini dell’ Hôtel de la Poste.
ricotta brite de larietoLa seconda parte della giornata si svolgerà nel centro di Cortina, dove presso la Conchiglia si potrà assistere alla preparazione del gelato artigianale prodotto al momento con gli antichi mantecatori raffreddati a ghiaccio e sale.

La Regina delle Dolomiti (che ricordiamo si è aggiudicata l’organizzazione dei Mondiali di Sci del 2021) si fa così messaggera dell’antica tradizione del gelato artigianale che affonda le sue radici proprio nell’area dolomitica, in particolare nella Valle di Zoldo e nel Cadore.
Appendice infatti anche a Ferragosto al Rifugio Croda da Lago con protagonista nuovamente il Gelato dei maestri gelatieri veneti.

conferenza stampa dolomiti gelato dayDurante la conferenza stampa si è colta l’occasione per presentare la prossima Mostra Internazionale del Gelato di Longarone (MIG) che porterà in scena la sua 56° edizione dal 29 novembre al 02 dicembre, e che nel frattempo sta portando avanti un nuovo interessante iniziativa, la Ciclabile del Gelato Monaco di Baviera – Venezia.
Proprio la MIG di Longarone ha infatti proposto di denominare così il progetto Interreg (capofila la provincia di Belluno) chiamato attualmente Ciclovia dell’amicizia che con i suoi 560 km unisce Monaco a Venezia.
ciclovia venezia monaco mappa
Il cambio di denominazione di questo importante collegamento attinge a motivazioni storiche (è il percorso che gli emigranti gelatieri bellunesi compiono fin dai primi anni del ‘900 per andare a vendere i loro gelati nel Nord Europa) ma soprattutto promozionali, in quanto permetterebbe di coinvolgere attivamente tutte le gelaterie italiane dislocate lungo il percorso, facendole diventare dei veri e propri punti di riferimento informativi e promozionali per il territorio dolomitico e la pianura veneta.
Senza dimenticare il ristoro che un buon gelato garantirebbe a tutti i cicloturisti lungo la strada.

[immagini: funactive.info, freccianelcielo.com, ouibologna.blogspot.it]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *